Mini burger

Esistono cibi perfettamente in grado di rendere felici e gli hamburger sono indiscutibilmente tra questi richiamando subito un'idea di festa e convivialità che rallegrano. Il nome hamburger deriva dalla città tedesca di Amburgo ed è da qui che parte la sua storia. Nel XVIII secolo, Amburgo era il porto più importante d'Europa e gli scambi commerciali con le Americhe erano frequentissimi. I marinai che lavoravano sui mercantili scambiavano ricette con i colleghi di altri Paesi. Nei porti Usa, in particolare a New York, cominciarono così a fiorire baracchini di strada che offrivano i cibi amati da questi marinai: medaglioni di carne macinata nello stile di Amburgo e salsicce. Nascono così i chioschi di street food che vendono ancora oggi hot dogs mentre gli hamburger riescono a entrare anche nei menù dei ristoranti. Il primo ristorante a metterlo in lista è stato Delmonico's a NY City. Da lì in poi il passo per la diffusione dilagante è stato breve quanto aprire un fast food! Oggi i burger esistono di vari tipi di carne e non più solo di bovino e vengono declinati anche in versione fish (di pesce) e addirittura veggie (vegetariano). Io ne propongo una versione di manzo arricchita da aromi mediterranei. Vediamo come fare..

Per 4 mini burger

200 g di carne trita di Fassona Piemontese

1 cucchiaio di patè di olive taggiasche

1 ciuffo di germogli eduli (a piacere)

4 cucchiai di formaggio grattugiato

4 focaccine

olio evo, sale, peperoncino in polvere q.b.

1 cucchiaino di semi di finocchio

Condire i mini burger almeno mezz'ora prima di cuocerli usando sale, peperoncino e i semi di finocchio in modo che la carne si insaporisca bene. Formare 4 mini burger si circa 50 g l'uno e lasciarli riposare in frigorifero. 

Nel frattempo scaldare una padellina antiaderente, una volta calda versare il formaggio formando quattro mucchietti. Appena il formaggio si sarà fuso girare la cialdina ottenuta sull'altro lato. Basteranno pochi istanti. Una volta dorata, togliere la cialdina con l'aiuto di una spatola e sistemarla su un piatto. Tenere da parte. 

Tagliare le focaccine a metà. Trascorsa la mezz'ora di riposo della carne, scaldare di nuovo la padellina usata per le cialdine, aggiungere pochissimo olio e cuocere i mini burger girandoli a metà cottura. Scegliere il grado di cottura preferito calcolando che 4 minuti per lato daranno una carne ben cotta. Poco prima di aver ultimato la cottura dei burger scaldare anche le focaccine e spalmare il patè di olive sulla metà inferiore. Tagliare i germogli e sciacquarli delicatamente con poca acqua fredda. Tamponarli per togliere l'acqua in eccesso. Porre i mini burger direttamente sopra il patè, coprire con una cialdina al formaggio e completare con i germogli.

Consigli

Per accompagnare i mini burger non posso che consigliarvi patatine fritte!

Gli aromi che ho usato per insaporire i burger possono variare secondo i gusti e comprendere: paprika affumicata, paprika dolce o forte, cumino, cipolla (anche disidratata), senape..

Potete sostituire il patè di olive con maionese (anche light), ketckup, salsa kebab, tzaziki..

Le cialdine al formaggio sono facoltative, ma vi consiglio vivamente di prepararle!

Potete sostituire le focaccine con morbidi burger buns (i panini morbidi da hamburger).

Potete acquistare i germogli o scoprire come coltivarli da soli senza alcuna fatica qui.