Crostatine sbriciolate alle pesche

Giugno 2019

Se è vero che con le temperature da record che stiamo raggiungendo è difficile preparare la frolla, è anche vero che le sbriciolate danno sempre soddisfazione perchè non hanno la consistenza liscia e omogenea, quasi setosa, della frolla classica. Sono rustiche e briciolose, appunto, e questo le rende adatte ad essere preparate anche con il clima tropicale che ci accompagna. Ho usato le pesche saturnine o tabacchine, per la preparazione di questa ricetta perchè sono tra le mie preferite. Adoro le pesche a pasta bianca e queste sono particolarmente profumate e succose senza eccessi che possano bagnare la base. Andiamo a vedere come prepararle..

Per 4 crostatine diametro 10 cm

200 g di farina 00

100 g di burro freddo di frigorifero

80 g di zucchero fine

25 g di pistacchi sgusciati non salati

½ bacca di vaniglia (semi)

1 pesca saturnina bianca

Tritare grossolanamente i pistacchi a coltello e versarli nel bicchiere del mixer insieme a farina, zucchero, semi di vaniglia e il burro freddo tagliato a tocchetti. Frullare a impulsi in modo fa ottenere un composto sabbioso. Versare il composto ottenuto in una terrina e aggiungere il tuorlo. Con la punta delle dita mescolare velocemente fino a ottenere delle briciole. Distribuire il composto sbriciolato negli stampi da crostatina tenendone da parte un po' per la copertura. Coprire bene i fondi e i bordi degli stampini con le briciole. Lavare e tagliare la pesca a dadini non troppo piccoli. Distribuirli al centro degli stampi. Coprire la superficie di ogni crostatina con le briciole rimaste. Cuocere in forno statico a 180° per 20 minuti e poi altri 5 con la ventola. Dovranno risultare dorate in superficie. Lasciare raffreddare completamente le crostatine prima di estrarle dagli stampini.

Consigli

Potete aromatizzare la frolla con la scorza di limone grattugiata invece che con la vaniglia.

Io non ho sbucciato la pesca perchè mi piace così, ma se preferite, potete sbucciarle.